La festa dei morti di Rankin e Andrew Gallimore

Si chiama Epitaph l’inno alla morte firmato da Rankin e Andrew Gallimore.
Il duo torna a collaborare in un progetto ispirato alla festa dei morti, in stile messicano.

rakin gallimore dia de los muertos

I colori si alternano sul nero della morte e il trucco grottesco di Andrew Gallimore disegna contorni di scheletri sui volti.
Grazie alla bravura creativa di Andrew Gallimore, le maschere sono colorate da fiori, perline, ornamenti argentei che cancellano l’espressione cupa dal volto dei modelli. Il fotografo Rankin incornicia il primo piano di “defunti stilizzati” su uno sfondo nero, colore simbolo della morte, reso più colorato dalle incredibili decorazioni di make-up.
Senza alcun accenno di espressività ogni volto ipnotizza lo sguardo. Gli occhi immobili fissano lo spettatore e lo costringono a guardare lo spettacolo della morte, racchiuso in una maschera di beffarda.

rankin andrew gallimore dia de los muertos

Il fotografo inglese Rankin e il make-up artist Andrew Gallimore hanno lavorato insieme all’editoriale HungerTV intitolato Epitaph e dedicato al giorno dei morti. Secondo la tradizione popolare messicana, è un’intera giornata in cui si festeggiano con riti colorati ed allegri le anime dei cari che sono morti.
La celebrazione, tra l’1 e il 2 novembre di ogni anno, coincide con la festa dei morti di origine cattolica. Al contrario di ciò che accade in altri paesi,  in cui questa giornata è dedicata al silenzio e alla preghiera per i defunti, in Messico Dia de los muertos è una vera e propria festa.

rankin festa dei morti

rankin galliforme festa dei morti messico

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...