La fotografia immobile di Alex Prager

La fotografia di Alex Prager è l’immagine immobile di un racconto.

compulsion 2012 alex prager

3:14 PM PACIFIC OCEAN AND EYE #9 (PASSENGER CASUALTIES) – Alex Prager

La fotografa Alex Prager, Los Angeles based, è una delle fotografe contemporanee sulla quale scommettere.
Numerose mostre in giro per il mondo confermano il trend.
I suoi profili di fotografie sono scorci di vita. Le collezioni di Alex Prager, ormai apprezzate sia nei musei che nelle gallerie, sono racconti di storie che hanno la forma di immagini che si susseguono.
Le più affascinanti? Quelle che parlano attraverso le persone, i loro occhi, i loro abiti e i loro gesti. Come FACE IN THE CROWD del 2013.

face in the crowd new haven

CROWD #4 NEW HAVEN – Alex Prager

Come vere e proprie performance statiche ambientate in set cinematografici, le fotografie di Alex Prager sono cariche di un’espressività che paralizza lo spettatore. I soggetti sono solidi e voluminosi, grazie anche ai contorni decisi della luce che combatte con il colore. Le pose plastiche dei corpi modellano l’intera immagine trasformandola in una scena di un film. Si, alcune sembrano proprio fotogrammi di un film in cui lo spettatore ha bloccato la visione con il tasto “pause”. E tutti sono fermi lì, tra il prima e il dopo. E la mente dello spettatore non può far altro che chiedersi cosa sia accaduto prima e cosa accadrà dopo. Spesso le fotografie di Alex Prager ritraggono storie di vita osservate dall’alto; la macchina fotografica si trasforma in un braccio meccanico che curiosa tra le nuvole le espressioni umane. E, forse, anche questo aspetto, avvicina il palcoscenico di fantasia di Alex Prager a un set cinematografico. Come il carrello volante di Alfred Hitchcock o la giraffa da presa di Brian De Palma, le sue fotografie sono ritratti di gente immobile che catturano l’attimo.

weekend 2010 alex prayer rachel and friends

RACHEL AND FRIENDS – Alex Prager

Un po’ per caso, un po’ grazie all’ inconsapevole attitudine di Alex Prager, la fotografa di Los Angels si scopre anche film maker. Un’altra scommessa, un’altra vittoria. Le sue esperienze cinematografiche trasportano i suoi personaggi in un dimensione temporale allungata nella quale Alex svela delicatamente il prima e il dopo degli attimi immobili imprigionati nelle sue fotografie.

weekend rita  2010 alex prager

RITA – Alex Prager

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...