Gli euro di Stefanos raccontano la Grecia. E non solo.

Gli euro di Stefanos raccontano la Grecia. E non solo.
L’artista greco Stefanos ha “imbrattato” di inchiostro nero le euro-banconote.
Non un mero gesto artistico ma l’espressione della storia contemporanea.

stefanos euro banconote banknote 50 euro apparatocreativo

 

Greco di origine, Stefanos racconta senza tela, installazioni luminose o note musicali il disagio economico che ha colpito la sua nazione.
Accontentandosi di inchiostro nero per dare forma alla sua creatività, Stefanos ha raccolto le banconote rendendole strumento di comunicazione sociale.

stefanos euro banconote banknote 100 euro apparatocreativo

Oggi il denaro è il vero, forse più efficace, mezzo di comunicazione. Quello più brutale, insano ed irriverente. Ma anche il mezzo più veloce per trasmettere idee. Almeno secondo Stefanos che l’ha scelto proprio per la sua virale ed esponenziale diffusione. E così, con pochi schizzi di nero i principali tagli cartacei di denaro diventano scenari di morte e distruzione emotiva. Una fotografia del disagio economico che ha abbattuto i sogni, i desideri e le speranze di un intero popolo. Quello di Stefanos.

stefanos euro banconote banknote 20 euro apparatocreativo

Ma è lo stesso denaro e alla stessa cupidigia a scoraggiare l’intera Europa affossandola in una delle crisi economica più forti degli ultimi anni. 5, 10, 50, 100, 200 e 500 euro diventano lo scenario perfetto per disegnare l’angoscia, l’austerità, la disperazione di un’intera nazione.

stefanos euro banconote banknote 10 euro apparatocreativo

stefanos euro banconote banknote 5 euro apparatocreativo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...